Da Issuu a Scribd: per condividere documenti e presentazioni

webPensate a un social network come YouTube o Flickr e sostituite i video o le foto con i vostri documenti. È questa la logica alla base di Issuu : una piattaforma dove si possono caricare non materiali multimediali, bensì documenti in diversi formati (pdf, doc, ppt, xls, txt), testi con immagini, tabelle e presentazioni. I materiali uplodati sono istantaneamente convertiti in 3D flip magazines: ossia, in documenti sfogliabili, pagina dopo pagina, e naturalmente condivisibili dentro e fuori il social network. La rivista infatti può essere commentata e integrata in una pagina web (magari un blog personale o una sito aziendale).

Prima di Isuu, il solo a dominare la scena nel settore dei “pdf online” era Scribd. Questo social network deve la propria notorietà alla diffusione di una notizia pubblicata dal Times ad aprile dello scorso anno: il quotidiano inglese affermava che su Scribd si trovavano delle copie dell’ultimo libro di Harry Potter. In Italia non è mai arrivata una smentita o una conferma a questo “scoop”, che comunque ha regalato un’enorme notorietà al social network, che in quei giorni ha registrato un numero record di accessi al proprio sito.

Oggi, Scribd vanta la collaborazione con un gran numero di case editrici (Random House, Simon & Schuster, Workman Publishing Co., Berrett-Koehler, Thomas Nelson e Manning Publications) che offrono gratuitamente parte del proprio catalogo online. Alcuni autori stanno mettendo a disposizione per tutti gli utenti anche romanzi, o racconti completi oppure parziali.

Riguardo alla condivisione online di contenuti parziali, ci aveva già pensato Google, con la messa a punto di un applicazione che permette la lettura di materiale caricato dagli utenti della Rete. Contenuti che però non possono essere commentati, né tantomeno scaricabili o integrabili in una diversa pagina web. Con Scribd invece, chiunque può accedere al portale e scaricare i contenuti o procedere direttamente al loro upload tenendo conto degli eventuali copyright e licenze di pubblicazione.

A questo punto, non resta che scegliere tra Scribd e Issuu e iniziare a navigare… o meglio a sfogliare!

Marta

One Comment

Comments are closed.