Il futuro di Pompei? Passa anche per i social

Nel suggestivo scenario degli scavi in notturna è stato presentato il nuovo piano di comunicazione della Soprintendenza Pompei.

Oltre alla nuova identità visiva curata da Inarea Pompeii. Tempus, Vita – brandname e pay-off riportano alla dizione latina del termine – e al portale web, la cui progettazione grafica (al momento in fase di realizzazione) è stata affidata a Cultur-e, il piano ha previsto una vera “rinascita” del patrimonio archeologico del vesuviano sui social.

I nuovi canali sono stati lanciati in occasione della conferenza stampa di presentazione del piano. Facebook (in italiano e inglese), Twitter, Instagram e YouTube: Pompei e gli altri siti del territorio, attraverso l’uso mirato dello storytelling, saranno raccontati non solo come patrimonio della collettività, ma anche come hub culturale e di conoscenza, sfruttando la testimonianza viva della sua storia.