Cultur-e a “RO.ME – Museum Exhibition” 2019

Dal 27 al 29 novembre, Cultur-e parteciperà a RO.ME – Museum Exhibition 2019, manifestazione dedicata a musei, luoghi e destinazioni culturali. L’iniziativa sarà...

Leggi

Contenuti multimediali

Come sosteneva Bill Gates già nel 1996, “content is king” (il contenuto è il re). Come dargli torto? Siti, portali, app, social network vivono e si nutrono di continue nuove pubblicazioni, con ritmi di aggiornamento rigorosi e serrati. Con un’offerta così ricca e vasta, sul web non ci si annoia mai. Ma proprio a causa di questo oceano digital sconfinato, emergere e attirare l’attenzione degli utenti non è facile, nè immediato. Per farlo, serve investire in contenuti che siano interessanti, utili e accattivanti. È necessario che diano valore all’utente, rispondano alle sue esigenze o passioni, siano chiari, facilmente fruibili e in grado di coinvolgere e fidelizzare. A fare la differenza sono i contenuti multimediali. Video, foto, audio, infografiche riescono a offrire un’informazione semplice, immediata e di impatto, arricchendo l’esperienza dell’utente tramite il coinvolgimento di più sensi. L’importante, però, è che questi contenuti siano di qualità, per non deludere le aspettative del pubblico e sviluppare fiducia verso il brand.

Come usare i contenuti multimediali nel content marketing

Il content marketing è una strategia di inbound marketing che vede come protagonisti i contenuti, quali veicoli per avvicinare gli utenti a un brand e condurli fino all’obiettivo desiderato, ossia la conversione: da semplici utenti a clienti o consumatori di un prodotto o servizio. Attraverso contenuti di qualità, enti e aziende fidelizzano la propria audience, invogliandola a tornare sui propri canali per effettuare un’azione (acquisto, richiesta di preventivo, recensione, registrazione al sito, iscrizione alla newsletter, ecc.). In questo, i contenuti multimediali amplificano i risultati e accelerano i tempi di engagement e fidelizzazione. Non solo video animati, infografiche, fotogallery, ma anche podcast, dirette video o webinar giocano un ruolo cruciale nella sfida del web. Il formato quindi conta, ma per raggiungere risultati concreti è necessario riuscire anche a proporre i contenuti giusti, che gli utenti cercano per rispondere ai loro bisogni. I contenuti multimediali di successo vanno quindi inseriti in una strategia che metta al centro l’utente. Vanno anche pianificati, tramite un progetto editoriale coerente con gli obiettivi e le aspettative dell’audience. Solo così potranno portare al risultato.

I contenuti multimediali di Cultur-e

Cultur-e nasce nel 2001 come Web Content Provider per enti e grandi aziende. Da allora abbiamo redatto piani editoriali, sviluppato e gestito contenuti multimediali per siti, portali internet e intranet, social media, app, blog e house organ. In un’ottica sinergica e cross-canale, il nostro team di content, SEO strategist e social media manager, video maker, art director e web designer realizza post e articoli, video corporate, video animati, foto shooting e fotogallery, podcast, dirette live, infografiche animate, anche in modalità multilingua e ottimizzati in chiave SEO. 

Ogni contenuto si basa su un’analisi a monte delle esigenze del cliente  e dei suoi elementi distintivi, degli obiettivi e del target di riferimento. Solo successivamente siamo in grado di definire strategie di comunicazione e di content marketing adatte al progetto e all’audience individuata. I nostri piani editoriali guidano i content editor nella realizzazione dei singoli contenuti multimediali, che vengono opportunamente declinati nei linguaggi più appropriati ai diversi cluster di utenza e alla natura dei canali di diffusione (blog, siti, social media, landing page, ecc.). Il risultato viene costantemente misurato in termini di successo, coinvolgimento e conversione dei contatti, grazie all’analisi dei dati di traffico.