CVA punta sulla comunicazione a 360° con Cultur-e

Costruire una nuova strategia di comunicazione multicanale per Compagnia Valdostana delle Acque, valorizzando le sinergie tra le due realtà aziendali CVA S.p.A. e CVA...

Leggi

Progetto editoriale

Come in mare, anche nel Web è importante seguire la giusta rotta. Se in nave per raggiungere la meta è necessario avere una mappa con le coordinate esatte del percorso, online il successo di un progetto è la conseguenza di una serie di attività pianificate e definite a priori: i messaggi da promuovere, la tipologia dei contenuti, i tempi di aggiornamento. Su Internet, la giusta rotta la indica il piano editoriale.

Cos’è un piano editoriale

Il piano editoriale, o progetto editoriale, è un documento strategico che guida la gestione di un sito, un portale web, un profilo social o di un sistema di canali integrati. Un buon piano editoriale definisce cosa, dove, quando e come pubblicare online, per intercettare al meglio i target di interesse e raggiungere i propri obiettivi di comunicazione, engagement o business. Nel piano editoriale viene definita l’information architecture, organizzando informazioni e servizi in una struttura logica e chiara per l’utente, e vengono pianificati calendari, risorse, tipologie e formati dei contenuti da produrre.

Il piano editoriale in Cultur-e

I nostri piani editoriali vengono elaborati all’inizio di una commessa e guidano non solo la gestione, ma anche la progettazione di portali web e canali social nelle scelte di struttura (information architecture), gerarchia di sezioni e informazioni, linee guida di design e sviluppo coerenti con target e obiettivi individuati.

I nostri progetti editoriali sono il risultato di una iniziale fase di data analysis, in cui studiamo lo scenario interno ed esterno del cliente sulla base di informazioni raccolte tramite interviste e focus group, tool e strumenti web-based di analytics e reputazione online. Dati alla mano, il nostro team di lavoro è in grado di elaborare il piano editoriale più adatto al progetto, definendo la gerarchia delle informazioni di un sito, portale o blog.

Il documento prosegue descrivendo il modello di comunicazione da utilizzare, con aspirazioni e valori da promuovere, messaggi chiave e argomentazioni, linee guida su stile grafico, scelte di usabilità, accessibilità e interattività, naming e stile linguistico. Inoltre, definisce i canali on e offline da attivare (eventi, iniziative, rivista, sito web, profili social, mobile, ecc.), le modalità di loro impiego sinergico in funzione degli obiettivi, la tipologia di contenuti per ciascun canale e le iniziative di coinvolgimento e partecipazione degli utenti. Per meglio gestire pubblicazioni ed engagement, vengono definite anche le policy di gestione editoriale, con individuazione delle fonti dei contenuti a cui attingere, la frequenza di aggiornamento e il workflow di validazione dei contenuti, con ruoli, regole e tempi di validazione dei contenuti e di gestione di notifiche e interazioni con gli utenti. Il piano editoriale si completa con la pianificazione dei contenuti web e social. In questo modo, una volta che il progetto è online, il piano editoriale può guidare la gestione quotidiana, calendarizzando le uscite e indicando a web content, social media manager, video maker e web editor come costruire interesse, consapevolezza, relazione, fiducia e conversione degli utenti, secondo gli obiettivi prefissati.

Perché nel mare sconfinato del web, creare un piano editoriale pianificando contenuti e azioni in forma coerente con obiettivi e target, permette di condurre i potenziali clienti nella giusta rotta, quella verso il proprio brand.