Una nuova strategia digital per la nuova Fondazione Perugia

Lo scorso 30 maggio la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha festeggiato i suoi 30 anni, una celebrazione che è stata l’occasione per dare un segno di...

Leggi

Noemi Sechi

Un giorno senza sorriso è un giorno perso: Noemi non perde né giorni, né sorrisi e Charlie Chaplin deve averla vista arrivare in ufficio prima di un go live per elaborare la sua massima. Classe 1995, la giovane content manager di Cultur-e è una roccia che si lascia scalfire solo dall’ennesimo rewatch di Friends. L’avvio professionale in piena pandemia l’ha temprata a situazioni estreme così come a dissimulare mental breakdown. Datele un piano di gestione e la vostra vita sarà schedulata nel dettaglio, cambio stagione incluso. Il merito è (anche) delle sue radici ibride: la maestosa Roma le ha insegnato a gestire il caos e a dargli ordine. L’origine sarda, invece, a profumare di mirto e a conservare una morbida determinazione. Più di nuovi creator da scovare su Instagram, per Noemi contano i dettagli e la loro cura: un’attenzione che rivolge non solo al suo feed ma a tutto il mondo della comunicazione. A unire i puntini, una laurea in Media, comunicazione digitale e Giornalismo e le esperienze in consulenza digitale. Un mosaico di tante tessere che Noemi metterebbe in fila con ordine maniacale e che invece, nella loro flessibilità, la rendono capace di muoversi con disinvoltura tra progettazione di siti web e creazione di contenuti. Attenta e caparbia, la sua capacità di sostenere call di tre ore è oggetto di studio a Yale: non spegne il pc senza aver smarcato la to do list. La sua preferita rimane quella di libri e film da recuperare o di mete culinarie da visitare. Dovere e piacere: Noemi non sceglie, fa.

linkedin